Mission

Il profilo di Sviluppo&Formazione e il senso della sua presenza del territorio, come offerta di risorse e percorsi formativi professionalizzanti, nel quadro di un costante allineamento di contenuti e metodi alle esigenze del mondo del lavoro, per garantire la massima occupabilità possibile delle varie tipologie di allievi.
Formazione intesa come volontà di accompagnare ogni individuo, ragazzo o ragazza, giovane o adulto, verso una realizzazione più pregnante di sé, delle sue aspirazioni, delle sue capacità, del suo ruolo, nella società, italiana ed europea, per giungere al mondo intero,percorrendo un cammino fatto insieme, che porta a “stare dentro” il mondo umano e professionale in maniera più solida, più consapevole e più serena.
L’attività formativa diviene strumento per scoprire la ricchezza e la potenzialità di ogni persona, per rafforzare la percezione del proprio valore e la sicurezza dell’agire, per aiutarla a concretizzare il suo progetto di vita presente e futura.L’azione formativa si propone l’obiettivo di diventare anche educativa, di non limitarsi all’indurre l’acquisizione di competenze o di nozioni, ma di favorire l’emergere spontaneo di capacità, potenzialità, aspirazioni, differenze. Obiettivo primario diviene quindi lo sviluppo integrale della persona, intesa come valore imprescindibile su cui basare ogni scelta.
La progettazione dell’intervento formativo

La progettazione è l’attività volta a trasformare gli obiettivi generali di un intervento formativo, dedotti dall’analisi dei bisogni, in obiettivi didattici.

Esempi di obiettivi possono essere:

• Migliorare il proprio stile di gestione;
• Migliorare le proprie capacità di comunicare;
• Sviluppare rapporti interpersonali equilibrati e diminuire l’orientamento al conflitto; acquisire comportamenti in linea con i valori di riferimento organizzativi;
• Migliorare il lavoro di squadra e l’integrazione delle diverse funzioni aziendali ed il senso di appartenenza all’azienda, nonchè favorire processi di evoluzione culturale;
• Sviluppare specifiche competenze tecniche e professionali;

Ogni obiettivo deve essere declinato e precisato nei risultati che ci si attende.

Il processo di analisi fornisce il legame essenziale fra i fabbisogni avvertiti e le aree concrete da sviluppare.

Come facciamo

L’approccio sartoriale di Sviluppo&Formazione , in funzione delle esigenze e del relativo fabbisogno formativo delle aziende o dei privati, consente la realizzazione di specifici piani formativi realizzati ad hoc.

Un piano di formazione ha bisogno di una fase preliminare di analisi dei fabbisogni in rapporto ai diversi livelli dell’organizzazione.
Questa fase è costituita da una attività di raccolta di informazioni e di analisi organizzativa al fine di una maggior coerenza tra il processo formativo che si andrà ad iniziare e le esigenze organizzative.

L’analisi del fabbisogno può essere svolta a tre livelli:

1) a livello individuale per andare incontro ai bisogni delle singole persone, studenti, dipendenti, liberi professionisti, privati;

2) a livello di insieme di ruoli per interventi di sensibilizzazione e consapevolezza del ruolo e per sostegno motivazionale e di immagine;

3) a livello dell’organizzazione per corsi legati a problemi di cambiamento e ad analisi di clima,ad esempio.

L’analisi del fabbisogno formativo, prendendo ad esempio un’azienda, ha le seguenti basi:
a) un’analisi delle conoscenze, capacità e comportamenti richiesti dalle singole posizioni confrontate con quelle realmente espresse dalle singole persone che occupano quella posizione;
b) un’analisi delle modalità di funzionamento dell’organizzazione (a livello di strategie, politiche, stili di direzione, sistemi di controllo, tecnologia, processi di comunicazione, processi decisionali, sistema premiante) e l’effetto prodotto sulle persone.